La conformazione del Parco è fortemente legata alla geografia del territorio.

Lo studio morfologico dell’area di progetto è stato strumento  per  sfruttare le geometrie del terreno in modo da risolvere gli aspetti funzionali  e le problematiche gestionali quali sicurezza e manutenzione, “una manipolazione scultorea che diventa la soluzione formalizzata delle diverse problematiche del sito “ Il lotto di circa 5.000,00 mq presenta una naturale depressione centrale , e delle evidenti esigenze di canalizzazione della acque. Il limite diventa risorsa e rimodellando le altimetrie l’area depressa diventa zona pianeggiante luogo della sosta  tra due distinte emergenze che la abbracciano. Le variazioni altimetriche  derivanti dalla conformazione originale del lotto strutturano nel parco 4 differenti sistemi percettivo-funzionali –distributivi che denomineremo:

  1. Il sistema dei cromatismi autunnali e primaverili

Posto su due aree perimetrali che elevando la loro quota fino ad un massimo di 1,5ml

  1. Il sistema dei percorsi

Ricalca la naturale conformazione morfologica del luogo ponendo i due accessi limitrofi al naturale accesso all’area generato dall’uso spontaneo del lotto.

  1. Il sistema delle fioriture e degli orti didattici

L’inclinata prodotta dai movimenti di terra delle due emergenze perimetrali individuano delle grandi vasche idonee per orti didattici e per la semina di essenze e fiori .

  1. Il sistema dell’acqua e della sosta

Le grandi Vasche delle fioriture le termineranno su 3 lunghe sedute fisse affacciate sull’area pianeggiante .

Dove oggi confluisce il deflusso delle acque meteoriche si opererà una importante canalizzazione opportunamente interrata ,l’area così diverrà luogo piano, della sosta .

  • Il sistema dei cromatismi autunnali e primaverili

Il perimetro del lotto è costituito da due emergenze distinte cha variano da una altezza massima di 2,00 ml fino alla quota 0.00 degradando sull’area pianeggiante centrale .

Lo scopo di questa variazione altimetrica e geometrica oltre a prendere le mosse dalla naturale conformazione del sito è tesa a qualificare spazialmente l’area  , a creare una immediata visibilità al di sotto dei 2 boschetti che vi si piantumeranno e a strutturare un limite ideale all’accesso dell’area che sarà priva di recinzione  .Le due emergenze saranno piantumate da specie arboree distinte  che ne caratterizzeranno le colorazioni  differenti durante le stagioni.

Una sarà caratterizzata de piante ad alto fusto, in prevalenza aceri, querce , e Ginkgo biloba ,  e piante spoglianti di vario genere , con spiccate caratteristiche antocianine .

L’altra emergenza sarà piantumate con una sola essenza di piante di mandorlo , una precoce fioritura del mandorlo ( da Gennaio a Marzo) potrebbe confrontarsi con la coloritura rosso vivo del bosco sull’emergenza di fronte . Una bordura di lavanda si pone come limite dell’area piantumata con i mandorli e le loro fioriture dovrebbero caratterizzare il parco nella stagione primaverile

  • Il sistema dei percorsi

Il parco avrà due accessi e un sistema di percorsi pedonali  anulare  che racchiuderà una pista ciclabile .La pavimentazione dei percorsi  sarà realizzata in cemento drenante  tipo Drain .

  • Il sistema delle fioriture e degli orti didattici

Le due emergenze  laterali degradando verso l’area pianeggiante centrale intercettano  3 grandi vasche con andamento a raggiera in esse si di piantumeranno essenze campestri realizzando dei veri orti didattici , dei possibili laboratori all’area aperta per le scuole che operano sul territorio.

  • Il sistema delle acque e della sosta

Le grande vasche termineranno su 3 lunghe sedute fisse per la sosta fronteggianti lo spazio piano centrale trattata a prato e irrigata  a mezzo di irrigatori dinamici.L’area pianeggiante è circoscritta dalla pista ciclabile e dai percorsi pedonali ed è delimitata di un filare di Pioppi Cipressini in forma di arco  i quali circoscrivono una fontana e il luogo della sosta .

La scomposizione in 4 sistemi differenti è utile a capire come il progetto formalmente libero sia invece strutturato su una logica ferrea che segue l’esigenza di coniugare funzioni necessità e forme che aiutino a risolvere  le problematiche poste in essere

Show More

Parco Pantan Monastero_Roma

Show More
Show More